La prossima settimana aria più fredda e calo termico

Brusco calo delle temperature in arrivo da martedì. Fase instabile su Nordest e Centro-sud

| Redatto da Meteo.it

Anche domenica l'espansione dell’alta pressione determinerà tempo bello e soleggiato su tutta l'Italia. Le temperature, in crescita, si spingeranno quasi dappertutto su valori tipici di aprile-maggio. I primi segni di un nuovo peggioramento del tempo saranno visibili dalla fine di lunedì, quando la perturbazione 7 di marzo si avvicinerà all'Italia. Sarà seguita da aria fredda che determinerà un sensibile calo delle temperature.
Le previsioni aggiornate per le prossime ore.

La prossima settimana aria più fredda e calo termico | NEWS METEO.IT

Lunedì in giornata nuvoloso all’estremo Nordest con i primi rovesci o temporali nel pomeriggio su Friuli Venezia Giulia, Prealpi venete e nordest dell’alto Adige. Sul resto d’Italia prevarrà ancora il sole, con pochi locali annuvolamenti, più consistenti sulla Liguria centrale. Tra sera e notte irruzione di un fronte freddo al Nord e sull’Adriatico con brusca intensificazione dei venti da nord-nordest e fase instabile che determinerà locali rovesci o temporali dapprima sulle Venezie, in Emilia Romagna e nel nord delle Marche, nella notte anche sul medio Adriatico. Nelle zone Appenniniche quota neve in progressivo calo, nella notte anche fino ai 700-1000 metri. Primi cali nelle temperature massime al Nord e sul medio Tirreno. Calo termico più evidente e diffuso poi tra la notte successiva e la giornata di martedì. Fronte freddo scivolerà molto rapidamente verso le regioni meridionali. Martedì migliora al Nord mentre al Centro-sud avremo una giornata nuvolosa e instabile con rischio di precipitazioni sparse a carattere anche di rovescio o temporale in modo residuo e marginale sulle regioni centrali adriatiche mentre si concentreranno soprattutto al Sud peninsulare e sulla Sardegna. Neve intorno a 1000-1100 metri nelle zone appenniniche. Insisteranno venti settentrionali soprattutto al Centro-sud. Le temperature subiranno un deciso calo anche di 10 gradi in meno nel giro di 24 ore con valori sotto la media sul versante adriatico e nelle zone interne della Penisola. Nella notte successiva sensibile calo anche nei valori minimi. Mercoledì piogge e temporali soprattutto all’estremo Sud (Sicilia, Calabria, Puglia meridionale e Basilicata) con quota neve intorno ai 1000-1300 metri su Appennino meridionale e rilievi della Sicilia. Nel resto del Paese le schiarite più ampie saranno al Nordovest, altrove passaggio di qualche nuvola innocue. Venti sostenuti al Sud, temperature senza variazioni di rilievo a parte Sicilia e bassa Calabria dove avremo un calo delle massime. Nei giorni successivi l’atmosfera resterà ancora piuttosto instabile all’estremo Sud, in particolare sui versanti ionici e Sicilia centro-orientale.

La prossima settimana aria più fredda e calo termico | NEWS METEO.IT

Foto iStock/Getty Images

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette